Il Piano Economico Finanziario (PEF) deve essere asseverato come previsto dall’art. 183 c. 9 primo periodo del D.Lgs 50/2016 e ss.mm.ii. e contenere una Relazione esplicativa dalla quale risultino in maniera chiara i seguenti aspetti:

1) importo investimento per lavori derivante dal Quadro Tecnico Economico del progetto e comprendente quindi:

a.    importo dei lavori come da Computo Metrico Estimativo (CME) redatto sulla base del prezziario adottato dall’Ente;

b.    somme a disposizione per spese tecniche ed accessorie.

2)     fonti finanziarie

a.     Capitale di debito

b.     Capitale di rischio

3)     costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital)

c  = (E/K)*y + (D/K)*b(1-tc)

in cui:

K = D + E

c = costo medio ponderato del capitale [ % ]

y = tasso di rendimento richiesto o atteso del capitale proprio (costo del capitale proprio) [ % ]

b = tasso di rendimento richiesto o atteso del capitale di debito (costo del capitale di debito) [ % ]

tc =  aliquota fiscale [ % ]

D = debiti complessivi [ valuta ]

E = valore di mercato complessivo del capitale proprio [ valuta ]

K = capitale complessivo investito nell'azienda (fisso e circolante netto) [ valuta ]

4)     costi di gestione indicati in termini di fattori della produzione

5)     proventi derivanti dall’erogazione dei servizi

a.     Servizi tariffati

b.     Servizi commerciali (includono tutto ciò che non è tariffato dall’Ente Concedente)

6)     tariffe applicate ai servizi non commerciali

7)     anni di concessione richiesti

8)     indici finanziari

a. Valore Attuale Netto di progetto (VAN-P)

b. Tasso Interno di Rendimento di progetto (TIR-P)

c. Valore Attuale Netto azionista (VAN-A)

d. Tasso Interno di Rendimento azionista (TIR-A)

e. Loan Life Coverage Ratio (LLCR)

f. Debt Service Coverage Ratio (DSCR)

9)      Stato Patrimoniale

10)    Conto Economico

11)     Cash Flow

Attenzione. L’asseverazione del PEF non esime l’Ente Concedente dall’effettuare le verifiche di congruità e di rispondenza alle indicazioni contenute nelle Linee Guida n. 9 dell’ANAC in relazione al calcolo del periodo temporale in cui si verifica l’equilibrio economico finanziario con il recupero del capitale investito e di una congrua remunerazione dello stesso.

Chi assevera il Piano Economico Finanziario?

Il PEF deve essere “… asseverato da un istituto di credito o da società di servizi costituite dall'istituto di credito stesso ed iscritte nell'elenco generale degli intermediari finanziari, ai sensi dell'articolo 106 del decreto legislativo 1º settembre 1993, n. 385, o da una società di revisione ai sensi dell'articolo 1 della legge 23 novembre 1939, n. 1966…”.

Link per la verifica del soggetto asseveratore https://www.mise.gov.it/index.php/it/impresa/vigilanza/societa-fiduciarie